parliamo di eco-pulizie

Aggiornato il: 17 mag 2018


¡buenos dìas!


Com’è andata Pasqua-Pasquetta-dove andiamo-cosa compriamo-cibo-regalini-picnic-grigliata-amici-parenti-agnello-coda in macchina-rientro a casa?

Vi è piaciuta l’alternativa casapevole alle uova di cioccolato di venerdì scorso? Io ho sempre paura delle mie proposte hippie ma vedo che vengono accolte bene quindi continuerò a condividerle! :)


Questo lunedì introduco un tema super importante e utile quando ci prendiamo cura della nostra casa (e di conseguenza di noi stessi) cioè: le eco-pulizie.



Con eco-pulizie s’intendono quei metodi per detergere superfici e oggetti che impiegano sostanze il più possibile ecologiche e semplici. Ho adottato questo tipo di approccio dall'anno scorso e i risultati sono stati sorprendenti da tanti punti di vista!

Ecco i vantaggi che ho riscontrato:


- per la nostra salute: meno sostanze irritanti, CORROSIVE, allergizzanti (ingredienti contenuti in gran parte dei prodotti con cui siamo abituati a pulire).

- per l’ambiente: gli antibatterici chimici, polifosfati, acidi corrosivi, ecc. non solo fanno male a noi ma anche alla flora e fauna acquatiche e di conseguenza a tutto l’ambiente.

Vogliamo parlare anche del consumo di plastica? Ogni volta che un prodotto finisce dobbiamo comprare un nuovo flacone, contenitore ecc. Invece con l’autoproduzione dei nostri detersivi riduciamo drasticamente la quantità di imballaggi, utilizzando mille volte di più gli stessi contenitori.

- per il nostro portafoglio: è incredibile quanti prodotti riusciamo a fare con materie prime che costano meno e rendono molto di più rispetto ai soliti articoli per le pulizie.

Ma non tutto è “rose e fiori” (frase di rito dopo il mio primo video :P ): se volete anche voi addentrarvi nel mondo delle eco-pulizie vi chiedo di tenere in considerazione alcune cose:


- Siamo ossessionati con l’idea della “disinfezione totale” o del “pulito a tutti i costi”;

questo studio, ad esempio, dimostra che l'effetto di uccisione dei batteri che determinati prodotti "agressivi" dichiarano, sparisce già dopo il primo utilizzo. Il che ci fa riflettere sulla reale efficacia di queste sostanze, che oltre a non rispettare le loro promesse, hanno anche dei costi sia in termini economici, ambientali che per la nostra salute. La scelta di prodotti ecologici garantisce un ugual risultato in termini di igiene, ma senza tanti impatti negativi. Certamente per raggiungere questo obiettivo sarà necessario dedicare un po' più di tempo alle nostre pulizie.

- Grazie alla mia esperienza vi confesso che due ingredienti non tangibili ma fondamentali sono: PAZIENZIA e OLIO DI GOMITO. Eh sì, per ottenere i risultati a cui siamo abituati con i prodotti convenzionali a volte bisogna lasciare ad ammollo più tempo o sfregare un po’ di più…ma ne vale la pena? Assolutamente si!

- Se vogliamo possiamo preparare noi stessi tanti prodotti, ma prometto che ci vuole poco tempo e che non sono affatto lavorazioni complicate (ad eccezione del sapone ay ay ay).

- NON STRESSIAMOCI (il mantra casapevole per eccellenza!) non dobbiamo fare TUTTO SUBITO, prendiamoci i nostri tempi, analizziamo attentamente i prodotti, confrontiamo, informiamoci. Nel mio caso per esempio ci sono voluti MESI prima di sostituire i miei consueti detersivi! Ricordiamo che:


Non possiamo fare tutto ma ognuno di noi può fare qualcosa.

Nel prossimo post di questa rubrica vi farò vedere quali sono alcuni degli ingredienti base per queste preparazioni e in che modo utilizzarli.


★ Cosa ne pensate di questo tema? mettete già in atto qualche metodo di pulizia ecologico? quale?


Prima di salutarvi, lascio una breve riflessione:


Negli ultimi mesi vedo sugli scaffali del supermercato una quantità sempre crescente di linee “ecologiche” o “green” degli stessi marchi che per anni ci hanno venduto prodotti per le nostre case. ATTENZIONE al fenomeno del GREENWASH, cioè quando un’azienda cerca di cambiare la sua immagine offrendo linee di prodotti teoricamente ECO o GREEN mentre in realtà continua con gli stessi metodi di produzione e cambiando pochi o nessun componente dei loro prodotti, perciò non hanno VERAMENTE un impatto positivo nei confronti dell’ambiente e purtroppo neanche per la nostra salute. Adesso tutti vogliono mettersi una mascherina “green” per fare credere a noi consumatori che comprando quei prodotti siamo con la coscienza a posto…mmmhhhhhhh…


A mio avviso bisogna prima informarsi su che ingredienti utilizzano i detersivi che già utilizziamo, poi studiare quelli “alternativi” e quindi trarre le nostre conclusioni.


Ecco una serie di link che potete consultare per approfondire.


* interessantissimo studio per imparare di più sui detergenti, sui loro utilizzi e potenziali pericoli redatto dal Osservatorio Nazionale Epidemiologico pubblicato sul sito del Ministero della Salute.


* articolo sui componenti dei detergenti naturali e quelli sintetici pubblicato sul sito cosediscienza.it.


* articolo su come riconoscere le sostanze pericolose pubblicato da Altroconsumo.


* test su detergenti per wc effettuato da Altroconsumo.


Per oggi è tutto!


Ci vediamo sul blog con un nuovo post e un nuovo video mercoledì e su instagram tutti i giorni.


♥ Grazie della lettura ♥


2 commenti

love your homes

love yourself

BE HOMESCIOUS

  • Grey YouTube Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Facebook Icon
  • Grey Pinterest Icon

© 2018 by Nene Muñoz